La dura legge del coronavirus

Quest’oggi, a malincuore, in accordo con il nostro presidente (ndr Enrico Romano) abbiamo deciso di richiudere l’impianto di via Milano (Rezzato). Pur non essendoci un divieto vero e proprio imposto dalle amministrazioni l’impennata di contagi degli ultimi giorni lo impone come dovere civico.  In risposta ai musi lunghi ed a tutti coloro che possono pensare che questa scelta sia “esagerata” , che tanto “al campo mica siamo in palestra”  vi posso rispondere  in qualità di  ex atleta ed allenatore: Credetemi  pesa tantissimo questa scelta!  So perfettamente come sia logorante perdere settimane di allenamento, soprattutto nel mese di marzo in vista della stagione estiva per un motivo che ai giovani atleti possa apparire “microscopico” .  Ma in qualità di medico pneumologo che da giorni vive dalla mattina alla sera in prima linea tra le mura dell’ospedale vi garantisco che il motivo è “enorme”…l All’ospedale civile non esitono piu i reparti di medicina chirurgia pneumologia ed infettivi bensì il reparto covid A covid B covid C covid D…l’ultimo turno di notte mi sono trovato difronte più di 30 pazienti molti di loro 60enni;; persone  senza malattie pregresse che magari fino a qualche settimana fa erano proprio dei “master 60″ o addirittura M55”  tutti con grave insufficienza respiratoria , gente che sta davvero molto male con febbre alta e senza la possibilità di poterli inviare in rianimazione!  L’ospedale Civile, uno dei più grandi d’Italia è letteralmente al collasso e per quanto lo sforzo si possa percepire negli occhi e negli sguardi di tutti i sanitari mi risulta davvero impossibile immaginare che possa reggere oltre. Se un grosso ‘augurio va a tutti gli atleti “over 35” sperando di non trovarmeli mai difronte in un letto d’ospedale questo messaggio è rivolto soprattutto ai giovani. Dagli esordienti alle promesse siete proprio voi quelli in grado di contenere il contagio. Questo è un virus subdolo.. si trasmette quasi asintomatico nei giovani lasciandovi liberi di scorrazzare, si camuffa dietro un bacio un abbraccio o una stretta di mano  per poi dare il meglio di se sfogando tutta la sua virulenza nei vostri genitori o peggio ancora i vostri nonni. Senza scuola e senza campo d’allenamento mi rendo conto che ammazzare la noia non sarà facile  ma niente campo non significa niente atletica! Continuate ad uscire a correre in campagna o  in zone tranquille: il virus non diffonde nell’aria ma solo tramite droplets (le involontarie goccioline di saliva che si emettono nel parlare …o nel correre). Fatelo da soli o con uno o due compagni  al massimo ricordandovi di correre tenendo almeno  due metri di distanza e meglio di fianco che non in fila indiana. Improvvisate pure circuiti di forza in casa ma ricordate di lavarvi sempre le mani bene per almeno per 30 secondi (…30 secondi sono un’infinità ma servono tutti per lavarle bene soprattutto prima di mangiare) è ormai assodato che si trasmette anche con feci ed urine e più in generale con il contatto per cui è sacrosanto che VI LAVIATE LE MANI SPESSO ED ALUNGO PERCHE OGNI RAGAZZO CHE SE NE FREGA METTE A RISCHIO LA VITA DEI PROPRI PARENTI . Ricordate inoltre un altro aspetto non indifferente : NESSUN RAGAZZO DEVE SENTIRSI IN VACANZA  E LA NOIA NON VI FACCIA VENIRE IN MENTE IDEE STUPIDE O PERICOLOSE , niente di niente che possa mettere voi o i vostri amici o familiari in condizione di dover ricorrere all’ospedale che in questo momento non è in grado di garantire a tutti la dovuta assistenza.  Queste possono sembrare parole forti o minacciose ma purtroppo viviamo in uno stato in cui la sera stessa in cui si impone il divieto di uscire dalla Lombardia centinaia di persone assaltano i treni per andare altrove….non sentitevi immuni sia che siate il più forte o il più scarso dei nostri atleti nessuno puo sapere come reagirà il vostro sistema immunitario ma proprio come in una gara tattica, proprio quando ti resta l’ultimo salto o lancio per giocarti il titolo non vince solo il più forte ma anche il più intelligente e domani, quando tornerò al lavoro per altre 12 ore in trincea ve ne sarò riconoscente.

Federico Quadri:

MEDICO PNEUMOLOGO,TECNICO  ED EX ATLETA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Pubblicato in Gare

L’atletica ai tempi del coronavirus

L’ultimo week end avrebbe dovuto essere l’occasione per trovarci qui ad osannare le gesta della nostra Edem Forson impegnata alla lotta per il titolo invernale di lancio del disco cosi come i nostri mezzofondisti che si giocavano le carte ai campionati provinciali / regionali di cross senza dimenticare qualche puntata dei velocisti ai palazzett indoor primo fra tutti quello di Padova. Invece nel giro di poche ore gli appuntamenti sono stati via via annullati come birilli fino a cadere in questa sorta di surreale atmosfera da film Holliwoodiano” che oltre a far mambassa di mascherine e svuotare supermercati impedisce anche l’apertura di impianti sportivi .  Difficile potervi dare notizie sulla riapertura sicuramente impossibile  per questa settimana del nostro impianto ma ci auguriamo , vista la revisione dell’ordinanza nazionale che permette l’attività outdoor senza l’uso di spogliatoi , palestre segreterie e qualunque locale chiuso in genere di poter presto “riaprire i cancelli”. Il nostro presidente è in contatto con il comune per cercare un accordo possibile per il futuro prossimo.  Da Medico (ed in particolare da Pneumologo) mi sento anche di ribadire come sia corretto prevenire e contenere la diffusione di questo virus che sembra diffondersi più facilmente dell’influenza  ma che difatto non causa problemi seri se non nel 5% dei casi (e con questo parlo difatto di gente che già ha patologie croniche ma chiaro che non potremmo rimanere tutti a casa con l’influenza contemporaneamente giusto?). Non siamo “zona rossa” e possiamo tranquillamente camminare e correre all’aria aperta (anzi meglio stare fuori che non segregati in casa ), nelle taverne in cantina ma anche all’aria aperta  continuate a sollevare pesi fare flessioni addominali e tutti i circuiti di forza che vi ricordate senza alcun problema basta che poi vi ricordiate di lavarvi bene le mani (cosa che sarebbe da fare sempre ma purtroppo è un’ottima abitudine andata perduta…lo sapevate che per lavare bene le mani ci vogliono almeno 2-3 minuti?…ecco fatelo almeno per 20-30 secondi che vi garantisco che è gia tanto!)  .  Sfatiamo anche il mito delle mascherine  che servono solo se andate in luogo affollato e vi sentite malaticci (non conta cosa abbiate ma se cè gia in giro un virus meglio non trasmette altri patogeni altrimenti soggetti come il nostro coach Max se li prendono tutti!….) per il resto potete tranquillamente parlare con chiunque  stia ad un metro da voi prima durante e dopo esservi allenati per strada (dico un metro perché in ogni caso sono sicuro che sudati accaldati puzzolenti e con la bava alla bocca un metro veniva rispettato comunque anche in tempi non sospetti)…. se avete dubbi non esitate a chiedere ma non abbiate paura dell’ignoto, spero di rivedervi presto tutti di persona e nel frattempo non dimenticatevi della vostra amata atletica!

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Pubblicato in Gare

Anna Castellani: un doppio 13 ai C. Italiani per guardare al futuro. Edem ad un soffio dai 40mt

Lo scorso week end è stato ancora ricco di soddisfazioni per i nostri portacolori a partire dall’impegno clou dei Campionati Italiani Allievi indoor con Anna Castellani impegnata nella prima vera esperienza sul palcoscenico nazionale nelle distanze olimpiche. Dal doppio impegno (800-1500) ne scaturiscono due belle prove di carattere entrambe chiuse ad una manciata di decimi dal proprio limite personale. Le prove sono state l’occasione per confrontarsi con le migliori d’italia  ed al di là del piazzamento finale (13° posto in entrambe le discipline) è stata un’ottima occasione per fare esperienza tattica, imparare a non lasciar “scappare le avversari” , saper reagire ai momenti di difficolta, e lottare spalla spalla fino all’ultimo metro. Sicuramente poteva andare meglio ma è sempre bene ricordarsi di vedere anche il bicchiere “mezzo pieno” e la sensazione è che la nostra Anna abbia ben digerito il difficile passaggio alla categoria allieve ed i presupposti per una bella stagione estiva ci sono tutti! Intanto brava Anna!

Da una “punta di diamante all altra” questo week end ha visto operativa anche la nostra discobola Edem Forson che dopo i 3 nulli della prima stagionale piazza subito una bella gara di sostanza tra le migliori lanciatrici lombarde con un probante 39.33mt (sua seconda migliore prestazione assoluta) seguita da due belle prove ancillari oltre i 37 e tutto lascia intendere che anche quest’anno Edem ed Anna saranno alcune delle principali protagoniste per la lotta alla GOLDEN CUP senza pero dare mai nulla per scontato visto che alle loro spalle stanno crescendo dal vivaio realtà sempre piu interessanti.  Questo week end è stato infatti il turno dei giovani impegnati nei campionati provinciali della categoria ragazzi con Mongelli Viviana protagonista sia nella velocità (finalista B) che nel salto in lungo dove per una inezia non riesce a superare i 4mt (3.98mt) ed agguantare il terzo gradino del podio. Presenti (e finalisti) anche Bettoglio andrea Bresciani Saottini Valerio (entrambi in finale B) e Bazzani Mattia (finale c).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Pubblicato in Gare

Mezzofondisti show! Andrea Lanfredi è da finale nazionale!! Filosi e Bresciani sugli scudi al cross di Concesio!

Fine settimana decisamente scoppiettante per i nostri mezzofondisti che ci hanno regalato belle sensazioni a partire da Andrea Lanfredi impegnato ai Campionati Italiani Juniores al palaindoor di Ancona . Per lui una doppia fatica iniziata con i 1500mt di sabato pomeriggio che nella serie unica con in palio il titolo nazionale si è ben difeso in coda al gruppo per 2/3 di gara rimontando come suo solito sugli avversari che via via si staccavano dal gruppone per poi provare a tenere il ritmo dei migliori negli ultimi due giri di pista. Ne è scaturito un probante 4’02″98: nuovo primato in sala e terza miglior prestazione del ruolino personale che gli è valsa anche una bella 7° piazza finale sul palcoscenico nazionale. Forse appagato mentalmente (e sicuramente anche fisicamente) negli 800mt del giorno seguente non gli riesce il cambio di ritmo necessario per poter rientrare anche in questo caso tra i migliori 8 finalisti chiudendo in 1’59 .  Complimenti comunque per la bella performance e l’ottima stagione invernale augurandoci che tutto questo sia di buon auspicio per le prove outdoor! Bravo Lino!!!

Applausi anche per il nostro settore giovanile presente al Cross di Concesio  a partire dall esordiente  Filosi Irene che si migliora ancora e dopo il 6° posto di Villa Carcina ora agguanta la 4° piazza subito a ridosso delle migliori. Molto Bene anche Boccacci Mattia 7° e per la prima volta nella top ten così come Bodei Riccardo (13°). Dalla categoria ragazzi arriva il miglior piazzamento di giornata con l’ottimo argento di Bresciani Saottini Valerio mentre tra i cadetti arriva nei dieci Ghitti Samuele (8°) seguito da Marrale Jacopo  16°.  Fuori dai migliori 20 ma come sappiamo molto preziosi per la classifica a squadre i piazzamenti di Mazzola Nicolo Mascia Sofia e Trivella Matilde che ci portano a fine giornata in 7° posizione nella classifica a squadre purtroppo peggiorando il 5° posto dello scorso anno. Sicuramente pesano gli 0 punti della categoria cadette (che per assurdo fino all’anno scorso era la categoria che ci regalava più soddisfazioni) ma in ogni caso grossi complimenti soprattutto a giovani che si sono ulteriormente migliorati mostrando ottime potenzialita per il futuro!

In gara quest’oggi anche Nicola Baccinelli che, come spessissimo accade nel difficile passaggio tra cadetti ad allievi , si ritrova nel giro di due mesi dall’essere finalista regionale nei 60 cadetti al totale anonimato di un 7.60 ai regionali allievi che lo colloca a metà classifica. L’importante per il nostro Nicola è non demoralizzarsi! Sapere che questo è forse il passaggio di categoria più difficile (dove un anno di differenza fa davvero molto) stringere i denti e lavorare sodo consapevole che i migliori sono mezzo secondo piu avanti ma che il nostro Nicola impegnandosi ha tutte le carte per poterli avvicinare!

Chiudiamo questa  rassegna annoverando anche il debutto (ahimè con 3 nulli) della scorsa settimana di Forson Edem nel lancio del disco oltre ai triplisti in forze quest’anno alla Virtus Castenedolo Pietro Facchin e Davide Papa quest’ultimo capace di conquistare il titolo regionale la scorsa settimana e partecipare (purtroppo mancando la finale)ai suoi ennesimi Campionati Italiani Indoor.

Complimenti ragazzi e come sempre…non mollate mai!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Pubblicato in Gare

Pietro ed Anna Superstars!!…Doppio titolo e doppio record sociale assoluto!

Week end di campionati sparsi per la lombardia ednon solo che ci ha portato una bella manciata di soddisfazioni tra medaglie e primati.

Si conquista la copertina della settimana (e questa non è una novità) Anna Castellani che coglie l’occasione dei campionati regionali assoluti per centrare in un solo colpo i traguardi sfuggiti nelle scorse uscite.  Il suo sabato -domenica di gloria  porta la firma dei presonali di 800e 1500 abbassati rispettivamente a 2’21 e 4’55 centrando ampiamente i minimi di partecipazione per i campionati italiani . Per lei  due gare di carattere disputate  spalla a spalla con atlete  nettamente più esperte  che l’hanno saputa spronare a dovere. A conti fatti  arrivano  due piazzamenti nella top ten regionale assoluta in entrambe le discipline nonostante si trattasse solo delle seconda esperienza (tralaltro sul complicato anello indoor) sia negli 800 che 1500 al primo anno di categoria allieve. Non arrivano a primavera neppure i vecchi primati assoluti societari cancellando dagli annali il nome di Merighetti Agnese e della forte quattrocentista e da oggi ex primatista anche degli 800 Tea Tiboni. Complimenti Anna , non porti mai dei limiti!

La trasferta di Padova ha dato anche interessanti riscontri per gli altri protagonisti a partire dal buon 5’09 sempre nei 1500 di Cucchi Nicole che arriva al primato personale dopo un paio di stagioni e chissà che non possa nell’arco dell’anno abbattere anche lei la barriera dei 5 minuti diventando anche una preziosa compagna di allenamento per Anna. Positivi anche i progressi di Mazzotti Dafne (5’21) e i debutti nei 400mt di Lanfredi elena (1’04) e Bresciani Sara (1’08).  Non riesce invece ad Andrea Lanfredi il colpaccio del primo “under four” mentre Alessia Boifava alza bandiera bianca alla prima uscita stagionale.  Nei 200mt buona la prima di Bordiga Andrea (già vicino ai 23 netti) e Stefano Facchin (conferma anche nei 200 i progressi dei 400) mentre Baccinelli Nicola non riesce per un soffio ad esordire sotto i 25 netti.

La prima pagina del week end è completata ai campionati provinciali cadetti da Milzani PIetro che da dimostrazione di strapotere aggiudicandosi la prova dei 60 piani (PB di 7’70) ed il salto in lungo (5.89 senza mai raggiungere l’asse di battuta..). Grossi complimenti  per il doppio titolo e per la sensazione che anche il nostro Pietro potrà quest’anno vivere una stagione da protagonista! Come a Padova anche a Castenedolo non sfigurano neppure gli altri nostri portacolori ed è cosi che Gabriele Sorrentino alla prima gara da cadetto (ed ancora con scarpe da ginnastica) centra la finale sia nei 60  che nel salto in lungo ottenendo significativi progressi in entrambe le discipiline. Applausi anche per Boccacci Noemi che sfodera dal cilindro delle belle prove nel salto in lungo che la piazzano ad un passo dal podio sfiorando il personale.

A contorno dei risultati ricordiamo anche i  tripilisti in prestito alla Virtus Castenedolo  Pietro FAcchin e Davide Papa che, su una pedana non esaltante, non brillano come misure ma aprono la stagione rispettivamente al terzo e quinto posto assoluto.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Pubblicato in Gare